Advertisement

Mese: giugno 2017

#anticommento, All About That Kvass: i nostri pronostici per #divingkyiv2017!

Come sempre, i titoli dei nostri pronostici fanno riferimento ad alcolici, con il famoso liquore di frutta, bacche e/o cereali distillato in tutte le case ucraine. Dal punto di vista della comunicazione, Kyiv sta facendo poco meglio di Londra (non che ci volesse molto): kudos per gli ingressi gratuiti, per stimolare i viaggi in una zona abbastanza periferica d’Europa, e accettabili i social (che però non si differenziano tra loro e twittano e pubblicano tutti gli stessi materiali), arrivano le note dolenti di sito (BENTORNATO FRONTPAGE, pensavamo ti fossi estinto!) e startlist presentate la notte della domenica e pubblicate il...

Read More

#divingkyiv2017: le nostre info, e cinque cose che non vi hanno detto (o che vi hanno detto sbagliate!)

1) Prima di ogni altra cosa: perché Kyiv e non Kiev? La prima forma è la traslitterazione del nome della città dalla lingua ucraina in alfabeto latino, la seconda è la traslitterazione dal russo. Fino al 1989, con la supremazia dell’Unione Sovietica sulle repubbliche satelliti, la maggior parte dei toponimi ha visto prevalere la fonetica russa; con l’indipendenza, gli stati meno legati al potere centrale (le repubbliche baltiche in particolare) hanno via via nazionalizzato anche la traslitterazione. Vista la corrente situazione internazionale, Kyiv è senz’altro più adatto in presenza degli ucraini; non per nulla l’hashtag ufficiale è #divingkyiv2017! L’organizzazione è presente...

Read More